Mi ci hanno mandata. Ovvero un approccio possibile alla psicoterapia

Mi ci hanno mandata. Ovvero un approccio possibile alla psicoterapia

di Flavia Cavalero

Maria è una donna di quarantacinque anni che va in crisi e ne attribuisce le cause a stress, stanchezza, delusioni sul lavoro che le appaiono giustificazioni sufficienti a spiegare il suo malessere che, poco a poco, coinvolge emotivamente tutta la famiglia. In primis il marito, ma anche la sorella e alcuni amici la invitano a intraprendere un percorso di psicoterapia senza che lei ne abbia voglia, né esigenza o necessità. Controvoglia, più per non deludere altri che per autentico convincimento, inizia una ricerca per individuare una professionista di suo gradimento. Sara, la psicoterapeuta che la prenderà in carico, le affiderà il compito di scrivere i suoi pensieri su un diario, ed è proprio attraverso questi racconti che il lettore potrà conoscere il vissuto che spesso accompagna la relazione tra paziente e terapeuta.